Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

AIUTA IL TUO CORPO CURANDO LE GENGIVE

gengive L'autorevole rivista scientifica Journal of Clinical Periodontology ha dedicato un intero articolo al legame tra l'infiammazione gengivale, le infezioni parodontali e alcuni problemi di salute generale quali diabete, patologie cardio-vascolari e complicanze in gravidanza. Non soltanto la parodontontite può aumentare il rischio di disturbi generali ma la ricerca suggerisce che la prevenzione e il trattamento delle alterazioni gengivali possano migliorare la salute generale.
Il lavoro scaturisce dall'analisi di centinaia di studi scientifici ed è stato promosso dalle due principali società internazionali di parodontologia, la European Federation of Periodontology (EFP) e la American Academy of Periodontology (AAP). 80 esperti provenienti da tutto il mondo si sono riuniti in Spagna in una consensus conference che si è conclusa con l'impegno di promuovere ulteriori studi ed aumentare il livello di informazione sia tra i professionisti sia nella popolazione generale.
I meccanismi che intervengono per determinare la relazione tra infiammazione gengivale e salute generale sono attualmente in fase di approfondimento; tra le varie ipotesi, una delle più accreditate riguarda la possibile migrazione dei batteri che causano infiammazione gengivale e parodontite all'interno del circolo sanguigno, probabilmente durante la masticazione. Questo determina una reazione immunitaria con il rilascio di potenti fattori pro-infiammatori che aggrediscono i batteri ma, allo stesso tempo, possono avere effetti negativi per altre zone del nostro corpo. Viceversa anche fattori generali possono influenzare il trofismo delle gengive, come ad esempio i picchi ormonali tipici della gravidanza o uno scarso controllo del livello ematico di glucosio tipico del paziente diabetico.
Un chiaro esempio e' rappresentato dai rapporti tra parodontite e controllo del diabete: da un lato il diabetico non controllato ha un rischio aumentato di sviluppare parodontite; dall'altro i dati ad oggi disponibili indicano che il paziente diabetico non ben controllato affetto anche da parodontite può ottenere un beneficio dal trattamento gengivale, ovvero un miglior controllo della glicemia simile a quello che si può raggiungere aggiungendo un secondo farmaco antidiabetico. Alla luce di queste evidenze è sempre più importante che il parodontologo e l'igienista dentale lavorino in stretta sintonia con la squadra di specialisti guidata dal diabetolologo, sia per curare e prevenire le complicanze orali sia per contribuire all'efficacia della terapia antidiabetica.
Per l'Italia il progetto è sostenuto dalla Società Italiana di Parodontologia (SIdP) che si propone di sensibilizzare la popolazione e promuovere una maggiore attenzione alla salute orale svelando l'influenza che questo può avere sul benessere generale. Infatti è molto importante che, all'interno dello studio dentistico, i pazienti ricevano indicazioni sia sulle manovre di igiene orale domiciliare, che sull'adozione di stili di vita sani, quali un corretto spazzolamento dei denti dopo i pasti e la scelta dei prodotti più adatti alle proprie esigenze (dentifricio, colluttorio, spazzolino, filo interdentale), non solo per migliorare l'aspetto e la salute di denti e gengive ma anche per favorire la salute dell'intero organismo.

laserdiodi

lasererbio

Consiglio della settimana

logo OCD 2018 300x221PRENOTA LA TUA VISITA GRATUITA DAL 7 MAGGIO ALL'8 GIUGNO

Area Video

area video sito