Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Sbiancamento laser

sorriso

Per restituire ai denti lo splendore perduto oggi c'è l'innovativo trattamento di laser whitening. E' sufficiente un'unica seduta per ritrovare la bellezza e la sicurezza di un sorriso smagliante.
Un bel sorriso si specchia su denti sani e regolari, su gengive rosee ed armoniosamente festonate, su uno smalto bianco e splendente. Requisiti che possono essere un fortunato dono di natura, ma che possono essere conquistati con facilità attraverso una corretta igiene orale, regolari sedute dal dentista ed un vero e proprio trattamento estetico del sorriso: il laser whitening. Lo sbiancamento dei denti a mezzo laser si rivela una tecnica efficace nella rimozione delle pigmentazioni dentali anche profonde, non presenta effetti collaterali ed i suoi risultati possono durare a lungo con alcuni semplici accorgimenti (corretta igiene orale, limitazione di nicotina e caffé, ecc.) e sedute di mantenimento.

PERCHE' I DENTI SI MACCHIANO?

Il bianco dello smalto dentale è congenito, così come congenita può essere un'eventuale pigmentazione. Con il passare del tempo, i denti si macchiano a seguito di diversi fattori. Questi i principali:
- Assunzione di farmaci. Gli antibiotici (tetracicline), così come l'assunzione di dosaggi elevati di fluoro durante l'infanzia, causano discromie dello smalto.
- Traumi. Un trauma può favorire la necrosi della polpa, provocando la pigmentazione di uno o più denti
- Devitalizzazioni, terapie canalari, problemi parodontali. Questi eventi possono cambiare sostanzialmente il colore dei denti rendendoli giallicaffe
- Fumo. La nicotina è tra i principali nemici del bianco dei nostri denti: attraversa lo smalto, penetrando in profondità e raggiungendo la dentina. Ma il fumo favorisce anche il deposito di tartaro nero, difficile da eliminare con le normali pratiche di igiene orale. Il pericolo riguarda anche i denti ricostruiti, al punto da richiedere un ulteriore (e costoso) restauro estetico. Questo per quanto concerne l'estetica. Sul fronte della salute dentale, la nicotina favorisce – attraverso la saliva – la proliferazione della placca batterica e quindi un maggior rischio di carie e di malattie parodontali (come la temuta piorrea, causa di mobilità e perdita dei denti).
- Sostanze coloranti. Teina, caffeina ed altre sostanze (come ad esempio le salse) sono responsabili dell'ingiallimento dei denti. Anche i collutori addizionati con clorexidina lasciano un pigmento giallo sul colletto dei denti.
- Scarsa igiene orale. Anche la non corretta igiene orale può lasciare delle inestetiche macchie sui denti. Se si fissano in profondità (coinvolgendo anche la dentina) spazzolino e dentifricio non saranno sufficienti a rimuoverle: l'unica soluzione rimane lo sbiancamento
- Invecchiamento. Con il trascorrere degli anni, i denti si usurano in quanto lo smalto si va assottigliando fino al colletto anatomico, lasciando spazio al cemento radicolare.

laserdiodi

lasererbio

Consiglio della settimana

123fd-malattia paradontale L'80% DELLA POPOLAZIONE EUROPEA E' AFFETTO DA MALATTIA PARODONTALE. FAI PREVENZIONE DAL TUO DENTISTA

Area Video

area video sito