Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Controindicazioni dell’implantologia

Ciò detto, bisogna chiarire i motivi principali per cui un intervento di implantologia può fallire o è addirittura controindicato. Pazienti non adeguatamente educati ad una meticolosa e puntigliosa igiene orale andranno coadiuvati con una regolare igiene professionale eseguita dall'igienista dentale: mancando infatti il legamento parodontale (sostegno del dente), l'impianto è maggiormente vulnerabile all'attacco dei batteri della placca, i quali espongono l'osso sottostante a rischio d'infezione con conseguente perdita dell'impianto stesso (perimplantite). Questi pazienti andranno pertanto istruiti, monitorati e verranno sottoposti ad intervento quando la situazione parodontale sarà sotto controllo. Alcune patologie sistemiche controindicano l'implantologia: il diabete non compensato, il diabete giovanile, disturbi della coagulazione, pazienti sottoposti a terapia antitumorale, a radioterapia nel distretto facciale, donne durante la gravidanza. E' altresì controindicato a pazienti con malattie cardiovascolari o portatori di protesi valvolari che devono essere valutati dal cardiologo che ne consentirà l'intervento e ai grandi fumatori. L'osteoporosi è invece una controindicazione relativa che viene valutata individualmente anche in funzione delle terapie assunte. Infine non costituisce un limite l'età, se non legata a particolari patologie. In tutti questi casi l'insuccesso è facilmente prevedibile e, pertanto, un'adeguata anamnesi ne controindicherà l'esecuzione.

laserdiodi

lasererbio

Consiglio della settimana

logo OCD 2018 300x221PRENOTA LA TUA VISITA GRATUITA DAL 7 MAGGIO ALL'8 GIUGNO

Area Video

area video sito